News

Anche Bankitalia boccia la manovra, il governo la attacca. “Esprime la visione delle banche private”. L’opposizione: “Infondato e inaudito”

La manovra finanziaria è criticata dai sindacati, da Confindustria, dalla Banca d’Italia, dalla Corte dei Conti. Ma questo per il governo è un bene. A dirlo è il sottosegretario alla presidenza del Consiglio Giovanbattista Fazzolari, che ha la delega all’Attuazione del programma ed è considerato il braccio destro della premier Giorgia Meloni. Il fatto che la legge di bilancio riceva tutte queste critiche (anche tecniche quando si tratta di organismi istituzionali) sul tetto al contante innalzato a 5mila euro, sullo stop all’obbligo del Pos, sulla flat tax e sul Reddito significa “che non pende da nessuna parte. È un buon segno”. “Penso – aggiunge Fazzolari – che sia normale che ognuno dica gli aspetti che lo deludono. Bankitalia è partecipata da banche private, è una istituzione che ha una visione, legittimamente, e questa visione fa sì che reputi più opportuno che non ci sia più di fatto utilizzo di denaro contante. Questa però non è la visione della Bce” che “ribadisce che la banconota è l’unica moneta a corso legale e che gli Stati membri non possono limitarne l’utilizzo a favore di una moneta privata”.

Fazzolari attacca anche il leader del M5s Giuseppe Conte quando gli viene chieste se l’esecutivo non teme un “autunno caldo” tra rincari e perdita del potere d’acquisto. “Perché non lo temiamo? La situazione è difficile in tutta Europa, non è difficile solo in Italia. Se poi qualcuno racconta in modo distorto le cose diventa ancora più difficile” dice il sottosegretario parlando con i cronisti fuori da Palazzo Chigi. Ad esempio la casistica di “persona con sei figli minori a carico”, dice citando un “filmato diffuso da Conte“, “non è stata modificata rispetto a prima e per di più è aggiuntivo l’assegno unico”. Aizzano la piazza? “Non dico questo, dico che raccontare esattamente come stanno le cose è più serio”. “Una cosa Conte la dovrebbe sapere – dice l’esponente di Fratelli d’Italia – ovvero come funziona il reddito di cittadinanza e quali sono le modifiche. Noi abbiamo detto che cambia solamente per i soggetti tra i 18 e i 59 anni senza figli minori a carico e occupabili. Il soggetto che continua a prendere il reddito di cittadinanza è il minore a carico, a prescindere. La persona con sei figli a carico minori viene coperta e per di più è aggiuntivo l’assegno unico. Quindi quella casistica non è stata modificata rispetto a prima. E’ chiaro che se poi invece una forza di opposizione come il Movimento 5 stelle va in giro a raccontare che togliamo i soldi ai minori in difficoltà diventa tutto più complicato”. “Uno può non essere d’accordo su come abbiamo modificato il Rdc – conclude – basta che lo contesti per come lo abbiamo modificato. Dire che lo abbiamo tolto ai minori a carico non è vero”.

Anche Fazzolari, come d’altra parte tutto il governo a partire dalla presidente del Consiglio (l’ultima volta ieri nella sua rubrica sui social), difende il provvedimento che solleva dall’obbligo di accettare il pagamento con carta per importi sotto i 60 euro. “Lo Stato – è il ragionamento del sottosegretario – non può imporre di vendere in perdita e non può imporre uno strumento privato di transazione”. L’unica moneta con corso legale, ha ribadito più volte, “è la banconota”, altrimenti bisognerebbe “creare una moneta elettronica a livello europeo ma non è stato fatto”.

Le dichiarazioni di Fazzolari suscitano le polemiche dell’opposizione. A partire da Federico Fornaro (Articolo 1): “La Presidente del Consiglio, Giorgia Meloni, smentisca il suo sottosegretario alla Presidenza, Fazzolari protagonista di uno sguaiato e indifendibile attacco alla serietà e all’indipendenza di Banca d’Italia, che si sarebbe resa colpevole ai suoi occhi di un giudizio critico sulla manovra di bilancio. La Banca d’Italia è un istituto di diritto pubblico come è scritto nel suo statuto e le quote in possesso di soggetti privati in alcun modo incide sulla sulla sua autonomia. L’indipendenza e l’autonomia di Banca d’Italia sono un valore che va difeso e valorizzato se non si vuol far scivolare la nostra democrazia repubblicana verso forme di democrazia illiberali”. Benedetto Della Vedova, segretario di +Europa, rincara: “L’attacco del sottosegretario alla presidenza del Consiglio Fazzolari a Banca d’Italia sul contante è manifestamente infondato nel merito e inaudito sotto il profilo politico e istituzionale. Anche su questo, è bene che il Governo faccia subito una poco onorevole marcia indietro”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO

DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.

Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI

Grazie Peter Gomez

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *