News

Boy Scout d’America condannati a risarcire 84.000 vittime di abusi sessuali

Il più grande caso di abusi sessuali su minori nella storia degli Stati Uniti. E’ quello che ha coinvolto i Boy Scouts of America, si sta chiudendo con un risarcimento milionario. Le 84.000 persone che hanno fatto causa all’organizzazione saranno risarcite con 850 milioni di dollari complessivi.

L’anno scorso i Boy Scouts of America hanno dichiarato bancarotta perché hanno dovuto affrontare crescenti costi legali per difendersi dalle accuse di abusi sessuali dei ragazzi. Ken Rothweiler, un avvocato di Eisenberg Rothweiler a Filadelfia, che rappresenta il gruppo più numeroso di richiedenti – più di 16.800 persone – afferma che questo accordo è un inizio. I diritti assicurativi degli ultimi 40 anni saranno affidati a un fondo fiduciario che il gruppo dei sopravvissuti controllerà e che potrebbe ammontare a miliardi in più per le vittime.

Le vittime

«Sono lieto che sia la BSA che i loro consigli locali si siano fatti avanti per essere i primi a risarcire i sopravvissuti», ha detto Rothweiler in una dichiarazione giovedì. «Ora negozieremo con gli assicuratori e le organizzazioni di sponsorizzazione e noleggio che hanno miliardi di dollari di esposizione legale, di cui una parte sostanziale è necessaria per risarcire equamente i sopravvissuti».

Rothweiler afferma che la maggior parte dei suoi clienti ha tra i 60 e i 70 anni e l’abuso è avvenuto mentre erano adolescenti.

«Come ex boy scout sopravvissuto ad abusi sessuali, sono contento che i boy scout si stiano assumendo la responsabilità dell’abuso che è capitato a me e ad altri con cui abbiamo dovuto convivere per decenni», ha detto una vittima di 65 anni che vive nell’area di New York. «Questo riconoscimento da parte dei Boy Scout avvierà il processo di guarigione per molti di noi che hanno sofferto».

I Boy Scout d’America verseranno 850 milioni di dollari

L’accordo è stato dettagliato nei documenti del tribunale depositati giovedì. I boy scout hanno definito l’accordo un passo significativo. «Questo accordo aiuterà i consigli locali a dare i loro contributi al Trust senza ulteriore drenaggio dei loro beni e consentirà loro di andare avanti con l’organizzazione nazionale verso l’uscita dalla bancarotta», ha affermato il gruppo in una nota giovedì.

«C’è ancora molto da fare per ottenere l’approvazione dalla Corte per sollecitare i sopravvissuti a votare per il Piano di riorganizzazione modificato della BSA. Tuttavia, con questo incoraggiante e significativo passo avanti, la BSA è impegnata con tutto il cuore a lavorare per una risoluzione globale. La nostra intenzione è quella di cercare conferma del Piano quest’estate e uscire dalla bancarotta alla fine dell’anno».

L’anno scorso, quando l’organizzazione ha presentato istanza di protezione dalla bancarotta, un portavoce dell’organizzazione ha affermato che aveva due obiettivi chiave:

  1. risarcire le vittime danneggiate durante il loro periodo nello scoutismo
  2. continuare a svolgere la sua missione negli anni a venire.

La leadership dei boy scout

«Siamo devastati dal numero di vite colpite dagli abusi perpetrati nello scoutismo e commossi dal coraggio di coloro che si sono fatti avanti», hanno detto in precedenza i boy scout. «Siamo dispiaciuti di non poter annullare il loro dolore».

La leadership dei boy scout ha insistito sul fatto che lo scoutismo «è più sicuro ora che mai» e il 90 percento delle rivendicazioni contro l’organizzazione «è avvenuto più di 30 anni fa».

«Dalla formazione obbligatoria sulla protezione dei giovani e ai controlli dei precedenti per tutti i volontari e il personale; alle politiche che vietano l’interazione individuale tra giovani e adulti e richiedono che qualsiasi sospetto abuso sia segnalato alle forze dell’ordine. I nostri volontari e dipendenti prendono molto sul serio la protezione dei giovani e fanno la loro parte per aiutare a mantenere i bambini al sicuro», hanno scritto in una dichiarazione alla “Famiglia scout” l’anno scorso.

Leggi anche: Il libro: “Hitler e Mussolini. Lettere, documenti, intercettazioni telefoniche”

www.facebook.com/adhocnewsitalia

Seguici su Google News: NEWS.GOOGLE.IT

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *