Articoli

In vendita la residenza dove nacque Guglielmo Marconi

Tra le case in vendita di personaggi illustri italiani ce n’è una molto speciale. In pieno centro a a Bologna, all’interno del Palazzo Dall’Armi Marescalchi, storica dimora del Cinquecento. È qui che nel 1874 nasceva Guglielmo Marconi, l’inventore della radio che, invero, trascorse gran parte della sua vita da adulto a villa Griffone, a Pontecchio Marconi, a circa 15 km da Bologna, divenuta poi la sede della fondazione Marconi a lui dedicata. 

Oggi, questa residenza di grande fascino a Bologna è proposta in vendita da Italy Sotheby’s International Realty, protagonista nel settore immobiliare in Italia e nel mondo. La particolarità è il connubio di design contemporaneo agli affreschi di Ludovico Carracci, Guido Reni e Felice Giani, illustre pittore del primo neoclassicismo italiano e artista internazionale a San Pietroburgo e Parigi tra la fine del 1700 e la prima decade dell’800. L’appartamento di 200 mq affaccia da ogni lato sulle merlate del meraviglioso centro storico, regalando una suggestiva vista sui tetti medievali e scorci sulle torri della città, in particolare su quella simbolo della città, la torre degli Asinelli, costruita tra il 1109 e il 1119 e nota ai più come la torre medievale pendente più alta del mondo, nonché una delle venti ancora visibili dell’antica Turrita Bologna.

Il piano nobile, accessibile dall’ascensore del palazzo, presenta soffitti con altezze di oltre 5 metri e pavimentazioni originarie sapientemente restaurate. L’ingresso si apre su un living di grande rappresentanza, molto luminoso e impreziosito da un camino d’epoca, che conduce alla spaziosa cucina abitabile. L’ampia camera padronale, con bagno en suite, è soppalcata, così come la seconda stanza studio, con ingresso indipendente. I complementi d’arredo che impreziosiscono l’appartamento sono stati selezionati dai proprietari, appassionati di Oriente, che hanno scelto di affiancare curiosità provenienti da oltreoceano a pezzi storici di famiglia.

Dal 1910 Palazzo Dall’Armi Marescalchi è stato dichiarato oggetto di vincolo di tutela “per i caratteri storici riconducibili all’architettura tibaldesca, per la rilevanza delle diverse proprietà che si succedettero, per la rilevantissima presenza di opere in affresco di Lodovico Carracci e Guido Reni, per la decorazione degli ambienti al piano nobile attribuiti a Felice Giani”. Un nuovo corso nella carriera del pittore che, in ambienti raffinati, si cimenta con decorazioni in stile pompeiano e una capacità narrativa straordinaria che esibisce soggetti iconografici sempre misurati alla destinazione d’uso o su interessi ed inclinazioni del committente.

Il Palazzo, voluto dal Senatore Aurelio Dall’Armi, fu ridisegnato nell’Ottocento da Ferdinando Marescalchi. L’immobile è stato acquisito nel 1961 dal Ministero del tesoro e destinato, dopo il restauro, a ospitare gli Uffici della Soprintendenza per i Beni Ambientali e Architettonici, oggi Soprintendenza Archeologia Belle Arti e Paesaggio per la città metropolitana di Bologna e le province di Modena, Reggio Emilia e Ferrara.

Leave a Reply

Your email address will not be published.