Articoli

Le dieci mostre da non perdere in Italia nel 2022

La mostra presenta una grande installazione creata per l’istituzione piemontese, opera che modifica l’intero spazio in una gigantesca macchina ottica. L’artista trasforma la Manica Lunga, che misura 147 metri in lunghezza e 6 metri in larghezza, edificata come pinacoteca di Casa Savoia nel 1630 circa, in un luogo di intensa esperienza percettiva e sensoriale, location che ricorda le ricerche sull’ottica del passato mentre al contempo esalta l’importanza della corporeità e della presenza fisica nell’era digitale.

Rubens e i palazzi di Genova (Palazzo Ducale, Genova, dal 6 ottobre 2022 al 22 gennaio 2023)

Pieter Paul Rubens, Ritratto di Giovanni Carlo Doria, 1606.

Oltre 150 opere, tra cui circa venti dipinti dell’artista fiammingo provenienti da musei e collezioni europee e italiane, che si aggiungono a quelli presenti a Genova. Attraverso disegni, incisioni, arazzi, arredi, volumi antichi, abiti, accessori femminili e gioielli, si celebrano i fasti della Superba visitata da uno dei maggiori artisti di tutti i tempi. Tra le opere che torneranno a Genova, il Ritratto di Dama del Faringdon Collection Trust ospitato nella dimora di Buscot Park nell’Oxfordshire in Inghilterra.

Max Ernst. Bellezza e bizzarria (Palazzo Reale, Milano, dal 6 ottobre 2022 al 26 febbraio 2023)

Max Ernst, Project for a monument to Leonardo da Vinci, 1957, courtesy Helene Bailly Gallery.

Pictor doctus, profondo conoscitore e visionario interprete della storia dell’arte, della filosofia e della scienza, la mostra presenta Max Ernst come umanista in senso neo-rinascimentale. Circa duecento le opere tra dipinti, sculture, disegni, incisioni, libri, gioielli provenienti da musei, fondazioni e collezioni private internazionali. La mostra, a cura di Martina Mazzotta e Jürgen Pech, è la prima retrospettiva in Italia dedicata all’artista tedesco naturalizzato francese.

Leave a Reply

Your email address will not be published.