News

Migranti, nuovi sbarchi a Lampedusa: soccorse 41 persone a poche miglia dalla costa. Naufragio in Tunisia: 6 morti

Continuano gli sbarchi a Lampedusa. Durante la notte tra il 9 e il 10 agosto, sono state soccorse dalla motovedetta V7007 della Guardia di Finanza 41 persone che si trovavano su tre imbarcazioni a circa mezzo miglio di distanza dalla costa dell’isola. A bordo dei tre natanti partiti dalla Tunisia, in particolare dalla città Zarzis e dall’isola di Gerba, si trovavano rispettivamente 15, 11 e 15 migranti di nazionalità tunisina, tra cui quattro minori e una donna. Sono stati tutti spostati verso l’hotspot di contrada Imbriacola dove al momento si trovano già 415 ospiti. Nella giornata di ieri, tre imbarcazioni sono approdate in territorio italiano e con loro circa 129 persone. Per la mattinata di oggi invece è previsto il trasferimento di 120 migranti con il traghetto di linea Sansovino che, partito da Lampedusa, farà rotta su Porto Empedocle (Agrigento).

Nel frattempo, è avvenuto l’ennesimo naufragio nelle acque del Mediterraneo centrale. Le autorità tunisine sono intervenute per recuperare i corpi di sei migranti, tre donne e tre bambini. Le vittime si trovavano a bordo di un’imbarcazione che trasportava circa 30 persone e partita anch’essa dalla Tunisia. Il mezzo è naufragato a Kraten, a circa tre miglia di distanza dalle coste delle isole Kerkennah, mentre tentava di raggiungere l’Italia. Al momento i corpi sono stati trasportati all’ospedale Habib Bourguiba di Sfax per le operazioni autoptiche. Altri 20 migranti, invece, sono stati soccorsi dalla Guardia Costiera, dalla Marina Militare e dalla Protezione civile, mentre proseguono le ricerche di eventuali dispersi.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:

portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.

Grazie Peter Gomez

Leave a Reply

Your email address will not be published.