News

Nel 2001 in Australia creano per errore un supervirus del vaiolo killer. Scienziati: troppo semplice creare virus killer

Un virus che uccide tutte le sue vittime, spazzando via parte del loro sistema immunitario, è stato creato accidentalmente da un team di ricerca australiana. 

Il virus, un vaiolo modificato, non colpisce gli esseri umani, ma è strettamente correlato al vaiolo, sollevando timori che la tecnologia possa essere utilizzata nella guerra biologica.

La scoperta mette in luce un problema crescente. Come si legit ai terroristi di fare ricerche tempo e di adattarle ai propri scopi nefasti?

I ricercatori australiani non avevano nessuna intenzione di produrre un virus killer. Stavano semplicemente cercando di creare un vaccino contraccettivo per topi per il controllo dei parassiti. “Ma è un buon modo per mostrare come alterare il virus del vaiolo lo può rendere più virulento”, afferma Ken Alibek, ex secondo nel comando del ramo civile del programma sovietico di guerra batteriologica.

Ron Jackson della divisione fauna selvatica del CSIRO e Ian Ramshaw dell’Australian National University, entrambi a Canberra, hanno inserito in un virus del vaiolo dei topi un gene che crea grandi quantità di interleuchina 4. IL-4 è una molecola che si trova naturalmente nel corpo. Nell’ambito di uno studio volto alla creazione di un vaccino contraccettivo, stavano cercando di stimolare gli anticorpi contro le uova nel topo, che renderebbero gli animali sterili. Il virus del vaiolo dei topi era semplicemente un veicolo per il trasporto delle proteine ​​​​nell’uovo nei topi per innescare una risposta anticorpale. I ricercatori hanno aggiunto il gene per IL-4 per aumentare la produzione di anticorpi. La sorpresa è stata che ha completamente soppresso la “risposta cellulo-mediata”, il braccio del sistema immunitario che combatte l’infezione virale.

Il vaiolo dei topi normalmente provoca solo sintomi lievi nel tipo di topo utilizzato nello studio, ma con l’aggiunta del gene IL-4 ha spazzato via tutti gli animali in nove giorni

“Sarebbe lecito ritenere che se qualche idiota mettesse l’IL-4 umana nel vaiolo umano, aumenterebbe la letalità in modo abbastanza drammatico”, afferma Jackson. “Vedendo le di ciò che è successo nei topi, non sarei io quello che vorrebbe fare l’esperimento”.

A peggiorare le cose, il virus ingegnerizzato sembra anche innaturalmente resistente ai tentativi di vaccinare i topi. Un vaccino che normalmente proteggerebbe i ceppi di topi suscettibili al virus ha funzionato solo per metà dei topi esposti alla versione killer. “È sorprendente quanto sia molto, molto grave il virus”, afferma Ann Hill, ricercatrice di vaccini dell’Oregon Health Sciences University di Portland. Se i bioterroristi creassero una versione umana del virus, i programmi di vaccinazione sarebbero di utilità limitata.

Immagine predefinita del nuovo scienziato
Vieni a uccidere un topo

Alibek, che ora lavora allo sviluppo di nuovi trattamenti per l’antrace per l’appaltatore della difesa Hadron in Virginia, afferma che ciò evidenzia lo svantaggio di lavorare sui vaccini contro le armi biologiche piuttosto che sui trattamenti.

“Direi che qualsiasi vaccino potrebbe essere superato dall’uno o dall’altro virus o batterio geneticamente modificato”, dice.

È possibile che la ricerca su nuovi vaccini contro il cancro e altre malattie possa inavvertitamente creare virus umani letali?

Molti dei vaccini moderni più promettenti dipendono dai virus per trasportare i geni nell’organismo e contengono geni che alterano direttamente la risposta immunitaria. Ma i ricercatori non sono stati troppo preoccupati perché le prove fino ad ora hanno suggerito che i cambiamenti nella composizione genetica dei virus li rendono invariabilmente meno virulenti, non di più. Un modo per ridurre il rischio, afferma Gary Nabel del National Institutes of Health, è utilizzare solo virus che non possono replicarsi. 

“Ma ci sono alcuni [vaccini virali] che possono replicarsi in giro, e c’è una crescente preoccupazione per il loro uso”, dice.

Gli esperti della difesa sono anche preoccupati di preservare la libertà di pubblicare i risultati medici mentre cercano di impedire che le informazioni cadano nelle mani sbagliate. Secondo DA Henderson, ex consigliere presidenziale degli Stati Uniti e direttore del Center for Civilian Biodefense Studies presso la Johns Hopkins University di Baltimora, quelli che sono effettivamente dei progetti per rendere i microrganismi più dannosi appaiono regolarmente in riviste non classificate. 

“Non posso per la mia vita capire come affronteremo questo”, dice.

I ricercatori australiani hanno consultato il Dipartimento della Difesa del loro paese prima di inviare il lavoro per la pubblicazione e hanno deciso di andare avanti solo dopo aver riflettuto a lungo. Un rapporto apparirà in un numero di febbraio del Journal of Virology . 

“Volevamo avvertire la popolazione generale che questa tecnologia potenzialmente pericolosa è disponibile”, afferma Jackson. “Volevamo chiarire alla comunità scientifica che dovrebbero stare attenti, che non è troppo difficile creare organismi gravi”.

Leave a Reply

Your email address will not be published.