News

Silvia, OSS: “passare dal ruolo tecnico al ruolo socio-sanitario non ha cambiato nulla alla nostra professione”.

Ci scrive Silvia Bassi, OSS: “passare dal ruolo tecnico al ruolo socio-sanitario non ha cambiato nulla alla nostra professione; e non ci interessa fare gli Infermieri”.

Buon giorno Direttore,

mi chiamo Silvia e sono OSS da 18 anni. Sinceramente non mi sono mai sentita sminuita nel mio ruolo dell’Operatore Socio Sanitario.

Parlando con le altre colleghe non abbiamo bisogno di altre responsabilità in più, abbiamo già le nostre mansioni, che sono sufficienti.

Se volevamo essere Infermiere, non sarebbe stato un problema fare infermieristica, ma dal momento che le nostre colleghe Infermiere sono sottopagate, con carichi di responsabilità maggiore, non sentiamo il bisogno di riproporre la stessa ambiguità anche per la nostra figura.

Illudendosi che il nome “sanitario” piuttosto che “tecnico”, ci dia più onore e invece solo uno specchietto per le allodole.

Quindi credo fermamente che la nostra figura va tutelata così com’è, altrimenti rischia di diventare una manovalanza a basso costo per sostituire, in parte , la carenza di infermieri.

Grazie.

Silvia Bassi, Operatrice Socio Sanitaria (OSS)

Leggi anche:

OSS, OSSS, OSSC, RAA: ma chi ve lo fa fare a prendervi tutte queste responsabilità senza tutele?

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *