News

Ucraina. Danilov: il dittatore Putin potrebbe iniziare la piena mobilitazione dopo le elezioni del 2024

AgenPress – La Russia potrebbe iniziare la piena mobilitazione dopo le elezioni presidenziali russe del 2024 del 17 marzo, ha avvertito il segretario del Consiglio di sicurezza e difesa nazionale Oleksii Danilov in un discorso al Forum di sicurezza internazionale a Halifax, in Canada, il 20 novembre.

“Dopo la prossima intronizzazione di Putin il dittatore russo Vladimir, il regime sarà ancorato, il che fondamentalmente significa dargli mano libera. Ecco perché l’Ucraina e la comunità globale hanno 3-4 mesi per prepararsi adeguatamente”, ha detto Danilov .

La Russia si sta muovendo verso il piede di guerra totale ed è pronta per una lunga guerra, secondo Danilov. Inoltre, la Russia sembra avere la capacità di adattarsi ed essere sorprendentemente resiliente di fronte a sanzioni di ampia portata.

Danilov ha anche suggerito che vi è una crescente preoccupazione in Ucraina riguardo al fatto che i suoi alleati occidentali stiano pensando sempre più di negoziare con la Russia, potenzialmente cercando un cessate il fuoco, un’idea che affonda le sue radici nella paura della Russia che persiste nonostante le scarse prestazioni dell’esercito russo da allora. 24 febbraio 2022.

Bisogna resistere a tali tentazioni  perché la Russia capisce solo il “linguaggio della forza”.

Senza uno sforzo concertato da parte dell’Occidente per continuare a sostenere l’Ucraina e per cercare un completo collasso del regime di Putin, “un nuovo “asse del male” attende il mondo tra 15-20 anni. Questo asse includerà non solo (Corea del Nord) , Cina, Iran e Russia, ma anche alcuni paesi europei.” Non ha specificato a quali paesi europei si riferisse.

Si prevede che Putin annunci che cercherà un altro mandato, ma non ha ancora fatto un annuncio ufficiale. Non è chiaro se parteciperanno nominalmente altri candidati, ma se Putin decidesse di candidarsi, la sua vittoria sarebbe quasi assicurata.

Freedom House, un’organizzazione no-profit che difende la democrazia internazionale, ha assegnato alla Russia un punteggio di 0/4 nella sua pagella del 2022 sulle libertà politiche nel paese.

Il Ministero della Difesa britannico ha dichiarato il 10 ottobre che le probabilità che una nuova ondata di mobilitazione venga annunciata prima delle elezioni erano basse. Non si è tuttavia pronunciata sulla possibilità di un’ulteriore mobilitazione dopo le elezioni.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *