News

Un gatto nero ed un phon per rallentare il traffico

Ormai per rallentare la velocità del traffico dei veicoli le inventano tutte. Se gli autovelox e le multe non bastano, i residenti ‘di buona volontà’ si ingegnano. Ricorrendo a stratagemmi per scongiurare incidenti e velocità eccessive.

Traffico

Il gatto nero di Cervia

A Villa Inferno, vicino a Cervia in provincia di Ravenna si è palesato un gatto nero di legno a bordo strada.

I residenti si sono inventati un metodo sperimentale quanto economico che sta dando buoni frutti per rallentare la velocità del traffico: un gattino nero in legno con gli occhi fosforescenti.

Il gattino è stato posizionato a bordo strada come se fosse in procinto di attraversare, in un punto strategico, dove le auto sfrecciano e le persone hanno paura di essere investite.

Di notte poi, gli occhi luminosi sono ugualmente in grado di catturare l’attenzione degli automobilisti che credono di trovarsi di fronte a un gatto vero.

Gesti apotropaici a parte, pare funzioni.

Sarà la superstizione o la paura di investire un gattino, fatto sta che la reazione è rallentare.

C’è anche chi arriva a fermarsi nel tentativo di soccorrere il gattino.

Traffico

Un asciugacapelli assolve la stessa funzione

In Svezia Ulf Schwerin, 74enne, stufo di vedere le auto sfrecciare a folle velocità per le strade del suo piccolo villaggio di Stora Mellösa ha inventato un nuovo metodo per fermare le “corse”.

L’anziano signore, convinto fermamente che lungo la carreggiata ci fossero pochi segnali per limitare la velocità nella sua cittadina, si è messo sul ciglio della via principale con un giubbotto catarifrangente e munito di un phon per capelli.

Da lontano pare davvero un autovelox a pistola laser, e gli automobilisti reagiscono rallentando.

Le sue azioni sono immediatamente diventate virali e in un’intervista il 74enne ha raccontato come l’idea sia stata presa da una donna inglese che, dopo aver perso la figlia per un incidente stradale, aveva adottato la medesima tecnica per far rallentare le persone che non rispettavano i limiti di velocità.

Leggi anche: https://www.adhocnews.it/latleta-newell-dopo-pfizer-non-riesco-piu-a-camminare-la-mia-carriera-e-finita/

www.facebook.com/adhocnewsitalia

SEGUICI SU GOOGLE NEWS: NEWS.GOOGLE.IT

Leave a Reply

Your email address will not be published.